Associazione Chirone San Miniato- Il romanzo di Clara-Il tema intrusivo

Undicesima seduta: il tema intrusivo

11:06 04 Gennaio in Caso 1 - Il romanzo di Clara
0 Comments

Appena seduta, inizia a lamentarsi di un malessere che l’ha perseguitata dall’ultima seduta in poi.
Dolori muscolari, inappetenza, irritabilità, specialmente sul lavoro; sensazione di svegliarsi già stanca la mattina.
“Mi dispiace Clara che l’ultima seduta abbia scatenato tutto questo.”
“Non sopporto mia madre e mia sorella, interferiscono nelle mie cose, pretendono di avere la ragione in tasca.”
“Cos’è accaduto, in particolare?”
“Niente di che in particolare, ma è come se mi giudicassero e criticassero su tutto. Sul fatto che stia cercando Giovanni, sul fatto che spenda troppo, secondo loro, per l’agenzia investigativa, infine anche sul fatto che continui a venire da lei, secondo loro cosa inutile se sono così agitata.”
“Pensa davvero che sia inutile il lavoro che stiamo facendo?”
“Non volevo dire questo, riportavo gli attacchi di mia madre e la sponda che le dà mia sorella, quando ci sentiamo su Skype. Io credo in quello che stiamo facendo, ne ho bisogno.”
“C’è qualcosa d’importante che non riesce a tirar fuori, ma che la tiene in costante agitazione. Sicuramente la parte cosciente del suo cervello tenta di proteggersi da qualcosa di intrusivo che reputa estremamente pericoloso. Tutto ciò che è intrusivo, è pericoloso. Comunque, c’è tempo. Dobbiamo avere pazienza. Se il disagio in questo momento è forte, pensiamo a qualche farmaco appropriato.”
“Ce la voglio fare da me”
“Faccia come crede, ma c’è qualcosa di particolare nelle accuse che le rivolge sua madre?”
Clara ha difficoltà a dare delle risposte. Continua ad essere bloccata tra la reticenza e la consapevolezza che parlare di altro, in questo momento, non serva assolutamente a niente. Io non posso insistere sul punto caldo, che riguarda la figlia. Cosa sarà successo? Esiste una figlia? Mi faccio violenza per non cercare, sui social, informazioni a riguardo. E’ il tema di Clara, soltanto suo.
Io posso solo continuare seguendo i suoi passi, quali che siano.

Commenti

commenti

No Comments

Post A Comment